Tecniche

Tecniche di stampa

conoscere per saper scegliere

Elenchiamo i sistemi di riproduzione e stampa più comunemente usati, dalla stampa laser alla ricamatrice.
I pregi e difetti delle varie tecniche e, a seguire, confrontiamo i costi tra le due tecnologie di stampa più diffuse (litografia e stampa digitale).
Prima però una premessa: la generalizzazione stampa digitale è molto imprecisa, in questa ci si raccolgono moltissime tecnologie fondamentalmente diverse tra loro, dalla tecnologia fotostatica (laser e toner) all’ ink jet (inchiostri o solventi) al trasferimento termico e altro.
Quello però che il termine vuole sintetizzare, è il fatto che la stampa o riproduzione, avviene con interfaccia digitale dal computer ed esce finita dalla macchina senza impianti speciali e anche per una sola stampa.
Va notato che non esiste una sola macchina per fare tutto, ogni attrezzatura ha le sue peculiarità i suoi pregi e i suoi difetti, sta a noi saperle scegliere.

Tecniche

 

Tecniche di stampa più comuni

 

StampaDigit
Produce stampe di buona qualità, su molti tipi di supporti anche plastici o metallici (a seconda del tipo di macchina).
È una tecnica molto adatta per eseguire campionature, prove di stampa e piccole tirature, non richiede impianto iniziale ne’ messa a registro. Le stampe escono già finite in quadricromia.

 

StampLit
Produce stampe di eccellente qualità, su supporti cartacei e/o cartonati.
Permette lavori di finitura aggiuntivi quali lucidatura, aggiunta di colori speciali, perforazione, ecc.
È una tecnica molto adatta per eseguire grosse tirature, la stampa è molto veloce e richiede impianto iniziale e messa a registro.
Le stampe complete si ottengono in più fasi di stampe successive a seconda dei colori di stampa.

 

Altre tecniche di stampa

SerigrTampog

Produce stampe di buona qualità, su infiniti supporti anche (rigidi o irregolari) tipo carta, plastica, legno, metallo, vetro, tessuti, ecc.
È una tecnica molto adatta per eseguire grosse tirature, la stampa è veloce e richiede impianto iniziale e messa a registro.
Le stampe complete si ottengono in più fasi di stampe successive a seconda dei colori di stampa.
L’enorme varietà di inchiostri permettono anche effetti aggiuntivi specifici tipo rigonfiamenti, metallizzazioni, dorature, lucidature, che creano un enorme valore aggiunto alle stampe finite (vedi magliette, specchi decorati, ceramiche, ecc.)

 

Ricamo

Produce stampe di buona qualità, su tessuti, pelli, maglie e indumenti anche finiti.
È una tecnica poco adatta per eseguire grosse tirature, la stampa è lenta e il disegno si ottiene con campitura e riempimento col filo del relativo colore, richiede impianto iniziale.
Le stampe complete si ottengono in più fasi di passaggi successivi a seconda dei colori di stampa.
La stampa a ricamo, oltre che ad essere durevole e gradevole alla vista, non scolorisce, non si degrada è lavabile, e non richiede tecniche speciali in fase di stiratura.

 

Stampa digitale contro stampa litografica

La stampa lito-tipografica è da sempre il miglior sistema di stampa per i prodotti cartacei, crea una stampa naturale, molto nitida e definita con una coerenza di colore quasi ineguagliabile da altre tecniche (eccetto la fotografica).
Ma oltre i tanti vantaggi, ha anche dei lati negativi: il primo è il costo d’impianto, il secondo il costo delle macchine (che superano tranquillamente i milioni di euro), ma che ora non staremo qui a trattare.
Quello che ci interessa è il costo di impianto che è il costo fisso richiesto per mettere la macchina in grado di stampare (lastre fotografiche e litografiche, sviluppo, messa a registro, prove cianografiche, ecc.) che è poi il costo più importante che si ritorce sul cliente.
Questo costo viene ammortizzato solo con grossi volumi di stampa (solitamente da 500 a 5000 pezzi a seconda delle dimensioni di stampa, del prodotto da stampare, della quantità di colori e della coerenza di colore richiesto).
Conoscendo questi fattori, il cliente dovrebbe essere in grado di scegliere la tecnica più adatta per realizzare un determinato lavoro (far stampare un pieghevole in quadricromia e piegato a 3 ante potrebbe essere costosissimo se stampato in litografia per 100 esemplari ed economico se stampato in 20.000 pezzi).
Una tecnica alternativa è la stampa digitale che va a inserirsi ove è richiesta una piccola tiratura (da un pezzo fino ai 100 – 500 pezzi) e dove una tiratura più elevata sarebbe troppo costosa nei confronti della tecnica litografica. I limiti di questa tecnica sono la lentezza di produzione, una qualità colore inferiore alla litografica, precisione a registro più scarsa.

LaserLitoConfr

 

Costi a confronto

 

LaserTipoCosti
Come si vede dal grafico e come ampiamente esposto in queste pagine, non esiste una soluzione unica per la produzione e la stampa, perché le dimensioni, la qualità, le quantità, le finiture, vanno a pesare sulla scelta del mezzo più adatto per ottenere i massimi risultati al minor costo, è una scelta che va fatta da persone esperte nel settore.
Qui ora vi abbiamo date indicazioni di massima per capirci, poi … al resto penseremo noi nel consigliare la via più economica e vantaggiosa per ottimizzare costi e qualità.

 

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/tecniche/">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/tecniche/">
https://twitter.com/slblog
SHARE