Mai scaricare completamente gli accumulatori Ni-Cd








Per un attimo dimentichiamoci di quello che sappiamo (o crediamo di sapere) sugli accumulatori Ni-Cd e leggiamoci quello che segue, vi aiuterà a salvare il vostro portafoglio.

L’effetto memoria è una stronzata.

Direte che mi sono rincoglionito, infatti tutti sanno che gli accumulatori Ni-Cd sono affetti da questo problema che può portare ad una costante ed inesorabile riduzione della capacità di accumulo elettrico del dispositivo.

In pratica succede questo: se gli accumulatori Ni-Cd (ma è vero anche per i Ni-MH) vengono ‘abituati’ a far poco lavoro e quindi ad essere ricaricati spesso, si adattano alla ‘bella vita’ e, la volta successiva, forniranno meno energia della precedente. Il ciclo successivo ancora meno e così via, fiaccando sempre più le caratteristice del dispositivo. Un pò come i nostri mescoli che meno lavoriamo e più ci indeboliamo.
E’ un vizio funzionale questo che può far perdere anche il 40% della capacità totale dell’accumulatore.

Per annullare il problema, ci viene detto che basta scaricare completamente la batteria e poi ricaricare di nuovo. Semplice no? Basta riabituare il sistema a ripartire da scarico e non da semicarico.

Tutto ciò e vero ma solo in parte eccovi i problemi

– un accumulatore Ni-Cd non accetta correnti inverse pena la distruzione della cella.
– in caso di batteria di accumulatori (cioè più elementi in serie, come è quasi sempre), non è mai possibile andare a testare, elemento per elemento, lo stato di carica di ogni cella.
– a livello di produzione ogni elemento ha una caratteristica diversa dall’altro, quindi nessuna cella si può considerare identica alla sorella (anche della stessa batteria di accumulatori) sia in termini di capacità, che di durata, che resistenza alle sollecitazioni elettriche.

Ora voi capirete che se noi andiamo a scaricare una batteria da 5 elementi (6V di targa), non è assolutamente corretto attendere che la batteria venga portata a 0 Volt e poi ricaricata.

Chi pensa di far bene così, avrà sicuramente già distrutto un vagone di batterie.

Il problema è ben esposto graficamente qui sotto. Anche considerando che la scarica avvenga a corrente limitata e costante si arriverà ad un momento che la cella più debole della catena si scaricherà completamente ed inizierà a risultare polarizzata in senso inverso…

– in alto si rappresenta la condizione di scarica normale. Per poter rimanere in questo stato è fontamentale poter testare la tensione dell’accumulatore e fermare la scarica al momento in cui vi sarà una probabilità di corrente inversa.

– in basso, la condizione di scarica forzata, quando cioè, senza controllare né gli elementi nè la tensione totale, si va a forzare la scarica oltre il liuvello di guardia. Si noterà che l’elemento più debole (quello centrale segnato in rosso) è andato in inversione di polarità e la batteria può essere considerata defunta.

Ma ora vi chiederete: ma come si fa a monitorare l’elemento singolo se la batteria è sigillata?
Infatti non si può, è però possibile controllare la tensione in fase di scarica della batteria tenendo conto di alcune considerazioni che ci potranno aiutare:

1) la tensione di uscita di una cella ricaricabile è sufficientemente costante ed è di circa 1,2 volt
2) qualora non riusciamo a capire quanti elementi contiene la batteria possiamo risalire al numero degli elementi contenuti leggendo la tensione tipica del pacco esposta in etichetta e dividendo per 1,2 (o 1,25).

Conoscere il numero degli elementi sarà fondamentale per decidere a quale tensione minima dovremo staccare la scarica per prevenirne il deterioramento.

Nell’esempio del caso in figura dove si hanno 5 elementi ricaricabili ed una tensione di targa di 6V, bisognerà staccare la scarica al raggiungimento della tensione di targa meno quella di un elemento quindi 4 x 1,2 (quindi staccheremo a 4,8 Volt).

Ora però sebbene questo trattamento salverà la vita dell’intera batteria, esso non ci garantirà che tutti gli elementi interni si siano scaricati uniformemente né che non vi siano elementi che dovrebbero essere scaricati più profondamente a parte.

In pratica se la scarica effettuata non avviene uniformemente, il problema dell’effetto memoria rimane.
Ma allora che lo facciamo a fare? A che serve apportare ulteriori stress alle nostra costosa batteria?
Infatti serve solo ad accorciarne inutilmente la vita!

Nelle apparecchiature più sofisticate alimentate ad accumulatori ricaricabili come cellulari, cordless o computer questa funzione è internamente implementata e quando la tensione scende al di sotto di un determinato valore, staccano l’apparecchio per salvarne la batteria.

Nei sistemi a ioni di litio il problema è similare solo che vanno considerati alcuni fattori che le diversificano:

– la tensione di ogni cella non è 1,2 V ma 3 V
– il controllo della carica e della scarica è molto più sofisticato e preciso
– i pacchi sono controllati e protetti internamente da cariche e scariche non autorizzate
– eventuali manomissioni, forzature elettriche non autorizzate possono portare al blocco totale del sistema di controllo

Va ricordato che con questo tipo di celle vi è un elevatissimo rischio di esplosione in caso di errato sistema di ricarica e di scarica. La batteria potrebbe esplodere senza dare alcun segno di preavviso (tipo rumorini, riscaldamenti anomali, attività elettriche modificate), quindi occhio, perché potrebbe accorciarsi anche la vita dello sconsiderato smanettone che vi gira attorno!

Saluti

Scan the QR Code
Se ti è piaciuto questo post condividi in mobilità e diffondi tra i tuoi amici.
Come fare: con l’interprete di QR Code inserito nel tuo smartphone, potrai condividere il link di questa pagina (contenuto in questo strano quadrato) via e-mail – SMS – Skype – WhatsApp – Facebook (o altri social) a tutti i tuoi amici. Ti ringraziamo per il tuo aiuto.






Questo spazio è disponibile per promozioni o pubblicità in vari formati e dimensioni, se sei interessato contattaci o leggi qui


------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

10 Risposte a “Mai scaricare completamente gli accumulatori Ni-Cd”

  1. Thomas ha detto:

    Salve, vorrei sapere se posso utilizzare un pacco batteria NiCd 12 volt 5 amphere come accumulatore per un pannello solare. Essendo il pannello portatile devo scegliere un pacco batteria di peso contenuto e sono costretto a optare per le NiCd o nimh(qll al litio so che sono delicate e non me la sento di attaccarle ad un regolatore di carica) ma da quanto ho capito non sopportano molto continui cicli di carica scarica

    • minoxx ha detto:

      Il problema, secondo me, oltre ai cicli di carica che comunque sono limitati anche per moltissimi altri tipi di accumulatori, potrebbe essere l’elevata autoscarica tipica di questa tecnologia. Secondo me risolvibile con alcuni interessanti modelli di accumulatori della panasonic molto diffusi che per una particolare tacnologia garantiscono una autoscarica molto limitata (solo il 20% ogni anno)

  2. minoxx ha detto:

    Guardi le rispondo anche se vedo che è un demente e non sa nemmeno leggere.
    Anche se l’articolo è di diversi anni fa la tecnologia non è cambiata di molto ed una Ni Cd non sopporta neanche oggi inversioni prolungate di polarità. Inoltre non capisco cosa c’entri la tecnologia litio che nemmeno era in commercio a quei tempi.

  3. lipo ha detto:

    si vede che non sai un cazzo di batterie… le nicd moderne supportano anche la scarica a 0v e l’inversione di polarità.. a discapito della durata ovviamente ma di sicuro ancora funzionanti.. tutte le celle al litio hanno 3,7v di tensione nominale e se scaricate sotto i 3v sono fritte

  4. elv ha detto:

    Beh caro Fabio, io direi di sì, una tensione così bassa denota che almeno il 90% degli elementi sono andati in corto e difficilmente li potrai recuperare e renderli di nuovo attivi.

  5. fabio ha detto:

    salve ho una batteria a 18 v 1500ma con una tensione di 4 v ,e’ da buttare? grazie

  6. elv ha detto:

    Secondo me caro anonimo stai dicendo cavolate, se la batteria era da buttare già prima, non pensare di poterla recuperare solo scaricandola completamente. Queste non sono opinioni, sono fatti!

  7. Anonimo ha detto:

    ho effettuato la scarica forzata e completa di batterie ni/cd che erano da buttare e ho recuperato le batterie.su 10 elementi in serie sono sceso a 4 volts circa.

  8. Elv ha detto:

    La soluzione è che (come scritto) il problema non esiste sono le stesse apparecchiature (cellulari, cordless o computer) a farlo da sole: quando la tensione scende sotto ad un determinato valore, staccano immediatamente l’apparecchio per salvare la batteria e salvare l’elemento più debole. Bastava leggere!

  9. Marioesse ha detto:

    E allora, qual’è la soluzione ideale, secondo te, per scaricare convenientemente queste comode ma rognose batterie?

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://stampolampo.it/mai-scaricare-completamente-gli-accumulatori-ni-cd/">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://stampolampo.it/mai-scaricare-completamente-gli-accumulatori-ni-cd/">
https://twitter.com/slblog
SHARE