Il primo registratore audio risale al 1860








Ricercatori USA scovano in un archivio di Parigi una registrazione del 1860, fatta ben 17 anni prima del fonografo di Edison. Un banale dettaglio scoperto in un archivio può, qualche volta, riscrivere completamente la storia riguardo a invenzioni che hanno rivoluzionato le nostre vite. La notizia è che fu uno sconosciuto compositore inventore francese, e non Thomas Edison, ad inventare il sistema per registrare i suoni. Si chiamava Edouard-Leon Scott de Martinville, un parigino, che riuscì a registrare dieci secondi di “Au Clair de la Lune”, un’aria popolare francese. Lo hanno scoperto in un archivio di Parigi un gruppo di ricercatori americani. Esaminando il reperto contrassegnato appunto come ‘Scott de Martinville – Phonautograph’, hanno accertato che quella strana macchina denominata ‘fonautografo’, conteneva in realta una canzoncina. Per quanto artigianale, fosse quella macchina (infatti non era in grado di riprodurre, ma solo di registrare su un foglio di carta annerito dal fumo di una lampada ad olio), aveva dentro di sè forse una delle prime incisioni sonore mai fatte dall’uomo. Tutto ciò risaliva al 9 aprile del 1860, cioè vent’anni prima che Thomas Edison brevettasse il suo fonografo. Il ‘fonautografo’ è in grado di catturare i suoni con una menbrana collegata ad uno stilo, e di tracciarli visivamente sulla carta. Gli scienziati americani lo hanno portato al Lawrence Berkeley National Laboratory, i segni sono stati interpretati e, quegli apparenti scarabocchi fatti su carta, si sono trasformati nella voce di uno sconosciuto cantante francese (o forse l’autore stesso). Non vorrei qui entrare sui meriti, i soprusi, gli interessi commerciali di Edison o di altri casi simili, qui il discorso è ben diverso: questa è una macchina che effettivamente registra, ma da qui a riprodurre di strada ne corre parecchia. Il mondo è pieno di intuizioni e mezze invenzioni ma, come si sa, da sempre sono i risultati che fanno la differenza. Dubito che Edison abbia copiato o preso spunti da questa macchina, di fatto comunque il primo apparecchio che registra eventi sonori e li riproduce rimane comunque (fino a prova contraria) il suo fonografo. Saluti.

 




 

Scan the QR Code
Se ti è piaciuto questo post condividi in mobilità e diffondi tra i tuoi amici.
Come fare: con l’interprete di QR Code inserito nel tuo smartphone, potrai condividere il link di questa pagina (contenuto in questo strano quadrato) via e-mail – SMS – Skype – WhatsApp – Facebook (o altri social) a tutti i tuoi amici. Ti ringraziamo per il tuo aiuto.






Questo spazio è disponibile per promozioni o pubblicità in vari formati e dimensioni, se sei interessato contattaci o leggi qui


------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/il-primo-registratore-audio-risale-al-1860">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/il-primo-registratore-audio-risale-al-1860">
https://twitter.com/slblog
SHARE