Google Patents: tutti i brevetti sul web








brevettoGoogle, cercando di allargare e di espandere costantemente la diversità dei contenuti disponibili per utenti nella rete e nell’intento di organizzare sempre più capillarmente le informazioni disponibili, da qualche anno sta tentando una nuova strada piuttosto originale e curiosa: la catalogazione dei brevetti.

Il progetto, partito qualche anno fa con un vantaggioso accordo con l’ufficio brevetti americano (USPTO), ora contiene oltre 8 milioni di brevetti provenienti dagli USA e si sta, via via, espandendo a tutto il mondo.

Nel 2012 viene stilato l’accordo anche con l’ufficio brevetti europeo (European Patent Office – EPO), ma non prima di aver migliorato il servizio di traduzione tecnica (tramite Google Translate) allo scopo di riservare al visitatore di tutte le lingue un adeguato supporto di traduzione anche di termini tecnici, scientifici e tecnologici.

Fino ad ora Google Patents contiene tutti i brevetti e casi applicativi (modelli di utilità, industriali, marchi, ecc.) emessi e depositati dall’Ufficio Brevetti americano dal 1790 fino ai giorni nostri restando esclusi i soli brevetti internazionali (che si prevedono di ampliare in futuro), per l’Europa invece siamo un po’ indietro e troviamo solo i brevetti registrati dal 1978 ad oggi.

Dal 2012 Google, estendendo il suo strumento di ricerca anche ai brevetti europei, ha lanciato anche il servizioPrior Art Finder per aiutare a trovare, tra i brevetti già depositati o in fase di deposito, quanti altri hanno protetto la stessa idea (magari similare o con descrizioni diverse) ed in quale data.

leonardoIl problema infatti è che, in genere, i brevetti dovrebber essere concessi solo se l’invenzione è effettivamente nuova ed originale, ma in realtà non si può essere mai assolutamente certi di questo. Può accadere che un tentativo di deposito per una macchina che sbuccia una mela possa essere già registrata come sbucciatrice di mela oppure macchina per pelare la frutta o anche spelatrice; l’eventuale inventore ignaro, facendo una ricerca come macchina sbucciamela, non avendo trovato nessun deposito con questa corrispondenza, si potrebbe sentire tranquillo e pensare di vantare una invenzione unica che poi, nella realtà, non è assolutamente vero.

Ci si potrebbe trovare ad investire un sacco di soldi in questa idea, si inizia la produzione e, quando ormai pronti alla vendita, qualcuno rivendica i propri diritti e blocca tutto perché la stessa invenzione è stata depositata molti anni prima.

brevetto1
In realtà l’ufficio brevetti, benché fosse già molto organizzato, non poteva mai verificare con i pochi mezzi informatici disponibili (e ancor meno dai soli vecchi archivi cartacei) se una idea sia stata mai registrata, in quanto la registrazione può avvenira da diversi uffici e si basa solo sulla descrizione che fornisce lo stesso inventore.
Per ovviare a queste problematiche, Google ha creato nel 2006, per conto dell’USPTO, uno strumento di ricerca specifico per i brevetti.  Utilizzando una sofisticata tecnologia associativa e lessicale tipica delle ricerche su Internet, ora, per gli inventori, la ricerca dell’esistenza di brevetti  similari o equivalenti è più facile, più organica e più completa.

Il sistema funziona individuando frasi chiave nel testo della domanda di brevetto e li combina con una query di ricerca specifica, la visualizzazione dei risultati risulteranno pertinenti anche a Google Patents, Google Scholar, Google Ricerca Libri e in tutto il resto del web. L’intento è quello di rendere più facile l’analisi e le possibili rivendicazioni brevettuali ed integrare i risultati nel flusso di lavoro dei ricercatori di brevetto.

brevetto2

L’accordo tra Google e gli Uffici di deposito brevetti ha apportato vantaggi enormi ad entrambi aumentando i contenuti disponibili al primo e migliorando il servizio di ricerca ai secondi, evitando così perdite di tempo e di denaro anche agli inventori che ora si sentono più sicuri e tutelati. Inoltre la funzionalità  Prior Art Finder mette a disposizione del pubblico una data certa per le eventuali rivendicazioni di originalità per quel determinato brevetto.

Un altro piccolo tassello tra i tanti del grande mosaico che Google sta raggruppando per specializzarsi e personalizzarsi ancor di più verso le esigenze della piccola e media impresa, offerto ad costo praticamente nullo.

Un saluto

Scan the QR Code
Se ti è piaciuto questo post condividi in mobilità e diffondi tra i tuoi amici.
Come fare: con l’interprete di QR Code inserito nel tuo smartphone, potrai condividere il link di questa pagina (contenuto in questo strano quadrato) via e-mail – SMS – Skype – WhatsApp – Facebook (o altri social) a tutti i tuoi amici. Ti ringraziamo per il tuo aiuto.






Questo spazio è disponibile per promozioni o pubblicità in vari formati e dimensioni, se sei interessato contattaci o leggi qui


------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/google-patents-tutti-i-brevetti-sul-web">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/google-patents-tutti-i-brevetti-sul-web">
https://twitter.com/slblog
SHARE