Arrivederci ragazzi








Ho visto per la prima volta questo film al cinema, in quinta elementare, e me ne sono innamorata. La vicenda narrata si svolge nella Francia occupata dai nazisti, nel gennaio del 1944. E’il racconto di una manciata di giorni in un collegio gesuita, quelli compresi tra il ritorno degli alunni dopo le festività natalizie e la fine del mese di gennaio.
In questo arco di tempo, la storia di un’amicizia, breve, ma così intensa da segnare una vita. Quella realmente intrecciata dal regista, Louis Malle, all’età di dodici anni, con un ragazzo ebreo ospitato sotto falsa identità nel collegio che frequentava, fuori Parigi. Un ricordo durato quarant’anni, a cui il regista dà finalmente voce nel film- otto anni prima di morire prematuramente di tumore.

Perchè mi ha colpito così tanto questo film? Non so se sono capace a esprimerlo. Io non sono una critica cinematografica. Credo sia ispirato, ecco. Che sia nato da un’esigenza di verità, da un’esperienza profonda e bella che il regista ha vissuto e che è riuscito a descrivere e comunicare. Perchè ciò che a distanza di tanti anni ancora mi emoziona è proprio la bellezza del rapporto tra i due amici, narrato senza retorica, con grande realismo. La diffidenza iniziale, la competizione dovuta alle qualità di entrambi i ragazzi in ambito scolastico- quella somiglianza che a volte genera gelosia- lo scontro e, alla fine, l’incontro. La condivisione di interessi, giochi, pensieri. E anche dei dubbi e delle paure. Un vero incontro, pur tragicamente breve- così vero da essere rimasto nel cuore di Luois Malle per tanti anni.

Purtroppo in televisione questo film è stato raramente trasmesso, inspiegabilmente snobbato. Così, ho voluto dedicargli questo piccolo spazio, nella speranza di fargli una buona pubblicità. Ho scelto di farlo anche con una foto che trovo molto significativa: il regista insieme ai due protagonisti attori (vicino a lui quello che interpreta se stesso): proprio a esprimere il profondo intreccio tra verità e finzione sotteso al film.







Scan the QR Code
Se ti è piaciuto questo post condividi in mobilità e diffondi tra i tuoi amici.
Come fare: con l’interprete di QR Code inserito nel tuo smartphone, potrai condividere il link di questa pagina (contenuto in questo strano quadrato) via e-mail – SMS – Skype – WhatsApp – Facebook (o altri social) a tutti i tuoi amici. Ti ringraziamo per il tuo aiuto.






Questo spazio è disponibile per promozioni o pubblicità in vari formati e dimensioni, se sei interessato contattaci o leggi qui


------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/arrivederci-ragazzi">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/arrivederci-ragazzi">
https://twitter.com/slblog
SHARE