Carbyne, più duro del diamante

carbyne1Fino ad oggi c’era un solo candidato di spicco, tra i più quotati, per essere considerato come il più interessante materiale del futuro: questo era il grafene.

Ora invece sembra spuntare un agguerrito concorrente che sembra stracciare quelle caratteristiche tanto conclamate come superiori.

Da uno studio pubblicato da alcuni ricercatori giapponesi (Mingjie Liu, Vasilii I. Artyukhov, Hoonkyung Lee, Fangbo Xu, Boris I. Yakobson) su Arxiv è spuntato fuori un serio superconcorrente.

Si tratta di un supermateriale chiamato carbyne sempre basato sul carbonio, ma molto più resistente del grafene e addirittura più duro del diamante.

Questo materiale è strutturato da una catena di atomi di carbonio congiunti alternativamente e sequenzialmente da legami alternativamente tripli e singoli o da legami doppi .

I ricercatori, autori della ricerca, dichiarano che per spezzare una singola catena atomica (all’interno della struttura molecolare di questo speciale materiale) occorre una forza superione di almeno 10nN (nanoNewton) rispetto a quella necessaria per Continua »

IgroDry una ricerca esemplare

ricerca4Il settore del trattamento dell’umidità muraria è in subbuglio.

In esclusiva mondiale entra in commercio a fine agosto IgroDry 2301 uno tra i prodotti più esclusivi ed innovativi per il trattamento dell’umidità dei muri.

Già trattato su queste pagine nel novembre scorso, possiamo ora definire con maggiori dettagli le grandi caratteristiche di questo prodotto.

Iniziamo col dire che si tratta di una molecola molto speciale a base acqua ottenuta da un processo altrettanto innovativo che vanta caratteristiche da fare invidia ai migliori prodotti dichiarati ecologici e non inquinanti, ma le analisi chimiche l’hanno definito ancor più sicuro tanto da dichiararlo eco-biologico.

E’ un liquido molto fluido e limpido di colore paglierino scarico con riflessi verdastri lievemente fluorescenti che risana le murature affette da umidità di risalita, con poche applicazioni a pennello, senza necessità di rimuovere gli intonaci ammalorati.

La funzionalità del prodotto si svolge in varie fasi:
– essendo polarizzato elettricamente, tende a legarsi e sostituirsi Continua »

Come si capisce se una banconota da 7 euro è falsa?

YanswE’ una grande fonte di ispirazione per i puristi della lingua, ma anche un indicatore imparziale sullo stato mentale dei giovani d’oggi. Il tema è già stato trattato qualche anno fa, ma vorrei aggiornarlo con queste ultime chicche che ho selezionato con interesse ed attenzione.

Ne esce un giudizio abbastanza preciso: non vi è dubbio che i cervelli migliori fanno le fughe all’estero, ma i peggiori possiamo vantarci di saperli tenere ben stretti qui in Italia!

Capirete bene il perché leggendo quanto scrivono questi giovani dementi su Yahoo Answers con un mix di stupidaggini, cazzate, scorrettezze grammaticali e sintattiche degne delle più arretrate popolazioni del pianeta.

Uno studio semiserio fornito da qualche burlone, ha dichiarato che su 2 milioni di utenti di Yahoo Answers:

il 75% sono persone in calore
il 60% sono troll (persone che scrivono appositamente stronzate tanto per cazzeggiare)
il 17% sono bimbiminkia, poser, truzzi o salutisti (sono generi giovanili non catalogabili tra gli umani con forme intellettive funzionanti)
il 17% sono praticanti della caccia al truzzo e al bimbominkia (gia trattato), detti anche anti-Tokio Hotel, in teoria veri rockettari/metallari/punkettari ma in realtà solitamente poser ma anche fan dei Finley
il 35% sono utenti che passano più tempo a segnalare a manetta che a chiedere e rispondere
il 5% è lo staff in incognito
il 5% sono dei bot che rispondono alle domande cercando su google le prime tre parole della domanda e copia-incollando il testo senza neanche leggerlo
lo 0,2% sono persone a cui è rimasto ancora un neurone
lo 0,0001% sono utenti che fanno domande serie
lo 0,0001% sono utenti che invece rispondono con risposte serie
il restante 0,0001% di sodio serve per addizionare l’acqua minerale troppo povera di sali

Se qualcuno, sfoggiando la propria intelligenza, andrà a criticare questo studio obiettando che le percentuali non funzionano (infatti la base numerica supera i 210 punti), noi possiamo confermare che lo studio è serissimo e l’incongruenza è dipesa dal fatto che chi fà Continua »

Verona: una città da visitare

verona1Sorgeva già in epoca preistorica su una collina a ridosso di un’ansa del fiume Adige, sul colle di S. Pietro, un piccolo villaggio protetto da una palizzata. Questo villaggio era già conosciuto dalle popolazioni limitrofe col nome di Verona.

Con le conquiste romane, quella penisola racchiusa dall’ampia ansa dell’Adige (a partire dal II secolo a.C.) si espande a più livelli di fortificazioni fino a diventare un notevole punto strategico, centro di un’importante rete viaria consolare, tra cui la via Postumia.

Alla fine dell’Impero Romano (nel 476), Verona diviene città protagonista di alcuni regni romano barbarici inizialmente con Teodorico re dei Goti e successivamente con Alboino re dei Longobardi mantenendo, sempre per la sua particolare posizione geografica, una notevolissima importanza strategica.

Verona diviene così una città florida, abbellita da importanti palazzi pubblici, domus e ville patrizie.

Dal I millennio Verona diviene libero comune ed assiste, come molte altre città del nord, alla nascita di una nuova classe mercantile che progressivamente partecipa sempre più pesantemente alla vita pubblica.

Successivamente anche Verona sarà coinvolta nelle lotte tra comuni ed il potere imperiale del Barbarossa ed in seguito entra a far parte dei territori controllati dai ghibellini in particolare da Ezzelino da Romano.

Nel corso del XIII sec. Verona fu teatro di Continua »

Quasi il cervello umano con SyNAPSE

synapsiI ricercatori di IBM stanno da tempo lavorando ad un progetto chiamato SyNAPSE: un calcolatore che riproduce la struttura e l’architettura del cervello umano, per emularne l’efficienza, la compattezza e l’economicità nell’uso delle risorse.

SyNAPSE (Systems of Neuromorphic Adaptive Plastic Scalable Electronics) è un progetto avviato già dal 2008 da IBM, in collaborazione con la DARPA (l’ente di ricerca del Ministero della Difesa statunitense), con l’obiettivo di creare un sistema di calcolo cognitivo in grado di avvicinarsi sempre di più alle funzionalità del cervello umano.
Nel corso degli anni sono stati aggiunti molti tasselli all’architettura di questo sistema, (alcuni già trattati in questo blog) fino ad arrivare oggi allo sviluppo di un sistema software basato su un modello di programmazione completamente diverso da quello utilizzato dai tradizionali computer.

Il primo risultato positivo è stato ottenuto nel 2009, quando gli scienziati sono riusciti a simulare il funzionamento del cervello di un gatto contenente un miliardo di neuroni e 10 trilioni di sinapsi (un trilione equivale ad un miliardo per un miliardo cioè 1018). Circa due anni dopo, nel 2011, IBM ha realizzato una nuova generazione di chip in silicio formati da una Continua »

Acque potabili: libera scelta e libero inganno

AcquaRubinettoNon tutti conoscono la differenza tra acqua minerale naturale e acqua potabile e troppo spesso se ne parla con eccessiva superficialità e con scarsa conoscenza della materia.
Quando la finalità è puramente strumentale, tesa a difendere interessi economici da una parte o propagandare posizioni ideologiche dall’altra, diventa difficile dare un giudizio generale oggettivo e quasi impossibile andare a sostenere la superiorità di una sull’altra in quanto, i fattori che entrano in gioco sono numerosi rendendo impossibile un confronto serio.

L’argomento rimane comunque sempre di grande attualità con vivaci dibattiti tra le associazioni ambientaliste (e di consumatori) e le aziende di imbottigliamento, ma tutta la grande quantità di informazioni sversate ad un pubblico non addetto, disorienta il cittadino che non possiede una preparazione specifica sull’argomento.

Sono tipologie di acqua molto differenti tra loro, non solo dal punto di vista normativo, ma soprattutto perché si tratta di processi di trasformazione e di produzione diversi.

Va detto subito che:
– il primo vero problema non è l’acqua in sé, ma l’evidente inquinamento che si attiva nel produrre le bottiglie di acqua destinate alla vendita. I contenitori a perdere stanno invadendo il pianeta, ma anche il conseguente trasporto delle bottiglie e l’energia consumata per il processo produttivo.
– l’altro problema è l’attuale tendenza a considerare l’acqua sempre meno un patrimonio comune e sempre più una Continua »

Il genio incompreso degli italiani

macelleria

L’Italia come nazione, ha sempre avuto una valenza essenzialmente culturale e non biologica, non associabile ad una stirpe di popolazione originaria quanto ad un territorio comune.
Il principale elemento che ci ha accomunato da sempre (oltre alla consapevolezza di una eredità romano-latina) è la lingua.

Una lingua accettata ed usata fin da secoli remoti da tutte le classi sociali (nonostante la frammentazione politica avuta fino alla seconda metà dell’Ottocento) unita ad un sistema di valori cristiani, filtrati e condizionati dalla grande e potente Chiesa Cattolica.

Il carattere italiano però è eclettico, versatile e geniale, a volte esplosivo e deve esprimersi, manifestarsi o sfogarsi con forza e con tutti i mezzi disponibili.
Parole, gesti ed espressioni allora rimbalzano tra l’inventiva, la satira e l’ignoranza e vengono manifestate platealmente con espressioni talora molto acute e raffinate, talora con atteggiamenti teatrali, utilizzando spesso un linguaggio figurato, dialettale o scurrile che esprime, con la massima precisione, il concetto che si vuole comunicare.

Espressioni che, nei soggetti meno acculturati, sono un misto di comicità involontaria condita con espressioni dialettali e strafalcioni grammaticali (o linguistici) che tendono a violentare una lingua infinitamente versatile, intuitiva e spontanea, utilizzata spesso a sproposito ma per colpire nel segno o per far cogliere un concetto o un pensiero;  quasi al pari di un’opera d’arte.

Per questo motivo torniamo su un argomento a noi caro, mostrando una selezione di cartelli e di scritte che hanno tutte un valore particolare per originalità, comicità o acutezza.
Sono messaggi chiari, sintetici, esaltanti quanto genuini: senza dubbio delle vere chicche destinate a passare alla storia.

Iniziamo con un geniale tema svolto da un bambino di prevedibile origine siciliana Continua »

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://stampolampo.it/page/4/">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://stampolampo.it/page/4/">
https://twitter.com/slblog
SHARE