L'effetto Moirè nella grafica

Detto anche Moirè Pattern è un effetto, di solito sgradevole, che si ottiene quando si fanno scansioni a risoluzioni paragonabili a quelle della sorgente di stampa (tipicamente quelle tipografiche con retino regolare e predefinito).

Sono effetti di “battimento” e di interferenza dovuta al sovrapporsi di due retini di frequenza e dimensioni simili. Il termine ha origine dal francese moiré, che è un tipo di tessuto, piuttosto rado e regolare nella trama, tale che se sovrapposto su due strati, dà appunto questo effetto che ricorda le onde o l’acqua.

Per chi non conoscesse il problema di questa discussione vi segnalo alcuni esempi su questo sito dove è possibile selezionare il disegno o l’effetto e muoversi con il mouse per vedere il comportamento delle onde di battimento.

Per eliminare il problema si possono usare varie tecniche.

La più semplice, consiste nell’utilizzare risoluzioni di scansione molto diverse da quelle della stampa (sono preferibili risoluzioni più basse). Quando ciò non è possibile o desiderabile, si può utilizzare la risoluzione più alta possibile e poi eliminare il problema con l’elaborazione dell’immagine, in particolare usando filtri di sfocatura.

Una seconda soluzione (molto semplice) è di ruotare (di poco) l’originale sul piano dello scanner e verificare gli effetti ottenuti, quindi riprovare con altra piccola rotazione, ecc. fino ad ottenere la scansione migliore, nei casi più comuni si trova quasi sempre un angolo (di solito tra 1 e 7 gradi) in cui il moirè scompare quasi del tutto.

C’è anche la possibilità di eliminare il problema tramite elaborazione in analisi spettrale (o trasformata di Fourier) dell’immagine. Infatti l’effetto Moirè presenta una tipica periodicità spaziale, dovuta al “battimento” fra le frequenze di stampa e di scansione.

L’elaborazione in trasformata di Fourier permette di selezionare la sola frequenza di battimento e di eliminarla. Per il problema delle diverse risoluzioni in gioco, si potrà presentare effetto moirè nel monitor e non in stampa oppure viceversa, quindi non è sempre vero che, se l’effetto vi appare grave a video, lo ritroverete poi in stampa. Per questo motivo, conviene sempre effettuare una stampa di prova.

Gli effetti positivi (molto interessanti) ottenibili dal Moirè pattern, invece, li potete vedere su questo sito .

Saluti a tutti

Per approfondimenti c’è questo articolo più recente e più corposo

L’effetto Moirè nella grafica mappata

Infine qui altri articoli attinenti o correlati:

Il linguaggio Postscript per la grafica

Come, quando e perché ridimensionare una foto

------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/leffetto-moir-nella-grafica/">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/leffetto-moir-nella-grafica/">
https://twitter.com/slblog
SHARE