La storia della penna a sfera








La penna a sfera è nata in periodi tempestosi ed ha una storia molto particolare spesso intrisa di avidità, sporchi giochi e trucchi commerciali.

La penna, intesa come strumento per la scrittura, deve il suo nome alla penna d’oca che, accoppiata al calamaio di inchiostro, era il mezzo più diffuso per la scrittura fino ai primi anni del ‘900.
La penna d’oca, opportunamente appuntita, si imbeveva nell’inchiostro del calamaio e sfruttando le pareti della cavità naturale del tubetto di cheratina, permetteva la scrittura di qualche rigo senza dover ricaricare l’inchiostro. Ma l’inchiostro liquido, per sua natura, poteva gocciolare ed imbrattare la pagina scritta, si asciugava con difficoltà e spesso lasciava aloni e sbafi dovuti al contatto con la mano di chi scriveva. Inoltre la punta si consumava facilmente ed il tratto non era mai uniforme alle varie angolazioni.
Per ovviare al problema si inventarono i pennini di acciaio molto più durevoli. All’inizio essi erano molto costosi e venivano forgiati da pochi artigiani esperti, seguì una industrializzazione che ne permise una grande diffusione a prezzi molto ridotti. La scrittura con l’acciaio era però molto meno morbida rispetto alla penna animale e non si risolvevano i problemi di maneggiare l’inchiostro liquido sopra al foglio.

In sostanza scrivere a quei tempi era un vero tormento e richiedeva grande maestria, accortezza e grande esperienza.

Una evoluzione logica alla scrittura ad inchiostro liquido fu data dalla penna stilografica (il primo prototipo fu realizzato da Scheller di Lepizig nel 1780 in bronzo e corno), è rimasta ancora oggi raro strumento per la scrittura di alta qualità, non necessita più di calamaio (in quanto la riserva di inchiostro è interna alla penna) e i suoi particolari sistemi di alimentazione a capillari del pennino, permette una scrittura fluida e scorrevole per molti fogli consecutivi. Era (ed è ancora) uno strumento piuttosto costoso che comunque necessita di accortezze particolari e pulizie frequenti perché l’inchiostro tende a seccarsi e quindi ostruire le capillarità che alimentano il pennino. Essendo considerato uno strumento di elite, si associa ad un bene di lusso a cui non mancano quasi mai inserti preziosi, pennini in oro e scatole raffinate per contenerle.
A dimostrazione di questo non vi sono contratti aziendali, accordi internazionali o pratiche notarili che, ancora oggi, non vengano controfirmate con personali e preziose penne stilografiche sfilate dal taschino della giacca.

Per la scrittura popolare però, fino alla fine degli anni ’50, il mezzo tradizionale e diffuso era ancora rimasto il pennino e calamaio (lo testimoniano ancora i banchi di vecchie scuole di frazione che disponevano del tipico buco sul pianale per inserirvi il contenitore per l’inchiostro). Mancava quindi ancora uno strumento pratico, economico e facilmente trasportabile, un sistema versatile come la matita, ma affidabile e non cancellabile. Uno strumento che in realtà lo si era pensato per molto tempo (si dice che anche il grande Leonardo da Vinci avesse cercato soluzioni in merito), ma le prime proposte interessanti e realizzabili si ebbero solamente nel 1938 quando il giornalista ungherese L

Scan the QR Code
Se ti è piaciuto questo post condividi in mobilità e diffondi tra i tuoi amici.
Come fare: con l’interprete di QR Code inserito nel tuo smartphone, potrai condividere il link di questa pagina (contenuto in questo strano quadrato) via e-mail – SMS – Skype – WhatsApp – Facebook (o altri social) a tutti i tuoi amici. Ti ringraziamo per il tuo aiuto.






Questo spazio è disponibile per promozioni o pubblicità in vari formati e dimensioni, se sei interessato contattaci o leggi qui


------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

4 Risposte a “La storia della penna a sfera”

  1. elv ha detto:

    Infatti per far fluire l’inchiostro alla sfera basta la gravità e non strani congegni pressurizzati. Quando si parla di spazio si intende dire umani che viaggiano nei dintorni del sistema solare dove i campi gravitazionali ve ne sono fin troppi e più che sufficienti per far scrivere una penna a sfera. Il progetto della Fisher forse servirà qualora spedizioni umane saranno dirette in altri sistemi stellari e dovranno attraversare spazi poco influenzati dai campi gravitazionali planetari.

  2. dam ha detto:

    Caso terrestre. Mi è capitato di scrivere con penne economiche in posizione orizzontale se non a testa in giù e dopo alcune passate l’inchiostro non fluisce più alla punta. Dopo due scrollate (come si fa per abbassare la temperatura del termometro) la penna ricomincia a scrivere. Mi sembra strano che Fisher abbia speso tempo della sua vita inutilmente…

  3. elvio ha detto:

    Cara Asia se leggessi bene l’articolo c’è scritto che ha preso il nome da L

  4. Asia ha detto:

    allora volevo solo chiedere se mi dicevate come mai si chiama biro tutto qua!cioè da cosa è nato che si chiama biro

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/la-storia-della-penna-a-sfera">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/la-storia-della-penna-a-sfera">
https://twitter.com/slblog
SHARE