Il Grillo parlante non ha grandi torti

Ho seguito con attenzione la replica del Munnezza Day a Napoli, ho trovato un uomo attento, informato e lungimirante, prescindendo dalla critica politica, pur ben pesata ed articolata.

Il discorso sul valore del materiale e lo spreco mi ha fatto molto pensare.

Effettivamente ormai, anche i più attenti, tendono a non dare più l’esatto valore alle cose che ci circondano, a partire dall’abuso degli imballaggi che per carità è anche una esigenza igienica, ma si sta abusando anche in questo.

Per esempio, al di là del valore commerciale, su una lattina di bibite non pensate che il valore della lavorazione del contenitore sia molto più elevato di quello del suo contenuto?

Vogliamo confrontare il processo di estrazione, lavorazione, fusione e stampaggio dell’alluminio in confronto con 33 cl di acqua zuccherata che vi è dentro?

Per completare il ciclo poi il valore più importante del processo (la lattina) lo buttiamo via. Il problema è che ormai, sempre di più, tendiamo a dare un valore puramente commerciale alle cose (cioè quanto lo paghiamo) e questo è gravissimo.

Un mio vecchio amico, falegname, tempo fa’ mi faceva un discorso che mi è rimasto impresso, diceva:

Mi vengono i clienti in falegnameria e mi chiedono il prezzo di una porta, io dico dalle 300 alle 500 euro secondo lavorazioni, materiali e finiture, e mi sento dire: ma così tanto?

Non si rendono conto che una porta una volta istallata stà lì per centinaia di anni e farà sempre bene il suo lavoro senza dar mai problemi… poi però mi vengono abbigliati con borse e maglioni di marca che costeranno pressappoco come due porte del mio preventivo e dureranno solamente una stagione…

a questo però, non fanno caso.

Pensiamoci un attimo anche noi che l’esempio mi sembra illuminante.  Saluti

------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

Una risposta a “Il Grillo parlante non ha grandi torti”

  1. Anonimo ha detto:

    sono anni che bevo acqua di rubinetto. E’ assurdo bere acqua minerale (che fa più male di quella dell’acquedotto) considerato anche i costi di imballaggio e trasporto anche in termini di inquinamento e produzione rifiuti. Mentre la tv, con la pubblicità ci ingenera falsi bisogni (famoso calciatore con l’uccellino per rimanere nel campo dell’acqua minerale) la rete internet diffonde sempre più una coscienza ambientalista. Se è vero che le famiglie non arrivano a fine mese mi auguro che un bicchiere di acqua di rubinetto dia loro una mano sul risparmio.
    ciao Tonino

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/il-grillo-parlante-non-ha-grandi-torti/">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/il-grillo-parlante-non-ha-grandi-torti/">
https://twitter.com/slblog
SHARE