Antikythera un computer di 2000 anni fa








Uno scienziato riaccende il computer inventato dai greci 2000 anni fa.
L’apparecchio effettua complicati calcoli astronomici, mostra le posizioni dei corpi celesti e calcola eclissi
Un misterioso congegno meccanico simile ad un orologio, venne scoperto nel 1901 da alcuni pescatori nelle acque vicino a Antikythera (un’isolotto sperduto nel Mar Ionio della Grecia).

All’inizio sembrava soltanto un blocco di ruggine agli occhi degli archeologi, che non diedero tanto peso allo strano reperto ripescato. Quando però lo strano oggetto si ruppe, nelle stanze degli archivi del Museo di Atene dov’era custodito, vennero alla luce delle ruote dentate e gli scienziati si accorsero di essere di fronte a qualcosa di molto particolare. Era stato rinvenuto il più vecchio elaboratore meccanico della storia.
Il meccanismo di Antikythera era stato costruito per effettuare complicati calcoli astronomici: dal moto del Sole e della Luna nello Zodiaco a quello dei pianeti, anche per determinare le eclissi.
Si calcola che il meccanismo sia stato costruito 150 anni prima della nascita di Cristo. E’ composto da una trentina di ingranaggi in bronzo con una sottile dentatura. Gli archeologi parlarono di un capolavoro dell’ingegneria di quei tempi, uno straordinario reperto di tecnologia antica. Poi, per un secolo, non si è detto più niente.
Ora, Michael Wright, ex curatore della sezione di Ingegneria Meccanica del Museo delle Scienze di Londra, ha voluto ricostruire quell’antico apparecchio. Ne ha fatta una copia esatta: stesse dimensioni e stessi materiali.
Per avere un’idea di cosa sia questo aggeggio vi riporto alcuni filmati esemplificativi e dimostrativi video1 video2 video3 video4


I comandi, dice Wright, sono relativamente semplici: girando una manopola, posta sul lato dell’oggetto, è possibile far scorrere i quadranti sovrapposti e, dalla combinazione di questi, si possono prevedere i vari eventi astronomici. Sulla parte anteriore di questo blocco di bronzo era possibile notare delle iscrizioni del calendario greco ed egizio mentre le lancette mostravano le posizioni della Luna e dei cinque pianeti allora conosciuti. Sul retro due indicatori: uno mostrava un calendario di 19 anni e le Olimpiadi e il secondo quando ci sarebbero state eclissi di Luna e solari.

Da decenni il meccanismo di Antikythera non ha mancato di suscitare impressione ed interrogativi presso molti studiosi. La sua reale funzione è rimasta sconosciuta per lungo tempo, ed il suo utilizzo, fino ad oggi, è stato chiarito solo in parte. Ci sono ancora molte ombre sul funzionamento di questo strumento.

fonte: Elmar Burchia – Corriere della Sera

 




 

Scan the QR Code
Se ti è piaciuto questo post condividi in mobilità e diffondi tra i tuoi amici.
Come fare: con l’interprete di QR Code inserito nel tuo smartphone, potrai condividere il link di questa pagina (contenuto in questo strano quadrato) via e-mail – SMS – Skype – WhatsApp – Facebook (o altri social) a tutti i tuoi amici. Ti ringraziamo per il tuo aiuto.






Questo spazio è disponibile per promozioni o pubblicità in vari formati e dimensioni, se sei interessato contattaci o leggi qui


------- Se ti è piaciuto il post diffondi e metti Mi Piace
0
Puoi lasciare un commento o un trackback dal tuo sito.

Una risposta a “Antikythera un computer di 2000 anni fa”

  1. skinark ha detto:

    interessante..mi provaca stimoli nel ricercare grazie elvio.

Lascia una risposta

Powered by WordPress | Designed by: 7Graus | Thanks to 7Graus WP Themes

Se trovi interessanti gli argomenti... condividi.

  • http://www.stampolampo.it/feed/
  • Follow by Email
  • https://www.facebook.com/stampolampoblog/
  • https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
    http://www.stampolampo.it/antikythera-un-computer-di-2000-anni-fa">
  • https://twitter.com/slblog
  • SHARE
http://www.stampolampo.it/feed/
Follow by Email
https://www.facebook.com/stampolampoblog/
https://plus.google.com/u/0/+StampolampoIt
http://www.stampolampo.it/antikythera-un-computer-di-2000-anni-fa">
https://twitter.com/slblog
SHARE